LUCI SUL LAVORO - LABOUR ACADEMY 2019 - NUOVE TECNOLOGIE E RELAZIONI INDUSTRIALI

CALL - LABOUR ACADEMY 2019 - NUOVE TECNOLOGIE E RELAZIONI INDUSTRIALI
Rappresentanza, diritti sindacali e negoziazione collettiva

Montepulciano (SI) 11-13 luglio 2019

Nell’ambito del Festival Luci sul Lavoro (www.lucisullavoro.org), Labour Academy, con il coordinamento scientifico di Gruppo Freccia Rossa e Università Mercatorum, propone un ciclo di tre sessioni di confronto volto ad approfondire l’impatto e le implicazioni che la convergenza dei fenomeni tecnologici (a titolo esemplificativo, social network e media, applicazioni digitali, automazione meccanica, intelligenza artificiale, block chain) hanno e potranno avere sulle relazioni industriali. E ciò sia introducendo nuovi percorsi di formazione della volontà collettiva che aggiornando le modalità di esercizio delle prerogative sindacali al pari delle tecniche e forme di negoziazione. Come incide, tutto ciò, sull’essere sindacato e sul modo di fare sindacato? Quali ruolo ha o può avere l’opinione pubblica o il datore di lavoro nel processo di formazione della volontà collettiva? Come saranno le assemblee, le bacheche e le consultazioni referendarie del futuro?Esisterà una negoziazione collettiva digitale?

Sessione 1 - giovedì 11 luglio - ore 10/12
Social media e relazioni industriali
D. Gottardi, F. Martelloni, V. Speziale

Sessione 2 - giovedì 11 luglio - ore 15/17
Tecnologie e diritti sindacali
V. Bavaro, G. Bellezza, R. Del Punta, P. Tullini

Sessione 3– venerdì 12 luglio - ore 9.30 - 11.30
Innovazioni tecnologiche tra forma e sostanza del contratto collettivo
S. Ciucciovino, M. Faioli, R. Romei, R. Salomone

Sessione plenaria pubblica - Freccia Rossa venerdì 12 luglio ore 11.30 - 13.30
M. Magnani, R. De Luca Tamajo, M. Marazza, A. Maresca


gli elaborati, completati all’esito delle giornate di studio, potranno essere successivamente pubblicati previo referaggio sul n. 2/2019 della rivista Labour & Law Issues - Dipartimento di Scienze Giuridiche. Alma Mater Studiorum - Università di Bologna – Direttore Scientifico- Prof.ssa Patrizia Tullini


Comitato scientifico
Bruno Caruso, Raffaele De Luca Tamajo, Riccardo Del Punta, Marco Marazza, Arturo Maresca, Adalberto Perulli, Roberto Romei, Franco Scarpelli, Valerio Speziale.

Il programma, parallelo ai lavori di studio e formazione organizzati dalla Confederazione Europea dei Sindacati (ETUC) e dalla Scuola Europea di Relazioni Industriali, metterà a confronto rappresentanti dell’accademia, studiosi di diritto del lavoro e relazioni industriali, esponenti del mondo della rappresentanza con l’intento di favorire la condivisione, dai diversi punti di vista, di conoscenze e esperienze.

La prima sessione è dedicata all’impatto delle nuove tecnologie, ed in particolar modo dei social, sulla rappresentanza sindacale e sui percorsi di formazione della volontà collettiva. Ed infatti, se da un lato le nuove tecnologie sembrano in grado di potenziare la capacità di mobilitazione del sindacato per altro verso le stesse tecnologie ne accentuano le contemporanee difficoltà favorendo l’emersione di luoghi paralleli, e assai incisivi, di formazione della volontà collettiva. Ma guardando ancora più avanti è importante anche capire se, ed eventualmente come, queste tecnologie possano essere esse stesso sindacato.

La seconda sessione è rivolta all’analisi dell’impatto che le nuove tecnologie hanno prodotto e (soprattutto) potranno produrre sull’esercizio dei diritti sindacali che trovano, nei processi di digitalizzazione, ulteriori strumenti di operatività. E’ il superamento della “materialità” dei luoghi, in cui i diritti sindacali tradizionali quali il referendum, l’assemblea, l’affissione, lo sciopero sperimentano nuove (e probabilmente più efficienti) modalità di espressione (anche dal punto di vista degli strumenti di reazione del datore di lavoro).

La terza sessione riguarda l’impatto delle tecnologie sulla contrattazione collettiva, sulla composizione dei c.d. tavoli negoziali, sulle tecniche di perfezionamento del contratto e di firma digitale nonché di consultazione dei lavoratori a seguito della conclusione del medesimo. Ma l’approfondimento, grazie alla comparazione di esperienze sovranazionali, è esteso anche a come la contrattazione collettiva possa regolare l’impiego delle nuove tecnologie a tutela degli interessi collettivi dei lavoratori.

CALL - come partecipare

Alle sessioni potranno partecipare operatori delle relazioni industriali, su invito, e fino a un numero massimo di 15 studiosi che intendono avviare e/o sviluppare il proprio percorso di ricerca sui temi trattati nelle tre sessioni del programma. A tal fine gli studiosi interessati possono inviare entro il 20 maggio 2019 proposte di ricerca sui temi oggetto delle sessioni 1, 2 e 3 in un abstract di massimo 5000 caratteri (spazi inclusi) al seguente indirizzo: mvitaletti@unite.it con l’indicazione del nome, cognome, struttura di afferenza, ruolo, e-mail, telefono. Gli studiosi coinvolti parteciperanno al percorso di confronto e approfondimento potendo, tra l’altro: a) esporre e confrontare più analiticamente il progetto di ricerca sintetizzato nell’abstract; b) essere supportati dal comitato scientifico nella predisposizione di una pubblicazione. E’ previsto un contributo dell’organizzazione alle spese di soggiorno dei partecipanti

scarica qui il programma dell'evento in PDF